Riapertura Museo

Sabato 27 giugno riapre al pubblico il Museo della Civiltà Contadina Valle dell’Aniene . Gli ingressi, per ora, saranno limitati al sabato e alla domenica, negli orari 10-13 e 15-18. Le visite guidate saranno effettuate su prenotazione con preavviso di almeno tre giorni per le comitive superiori alle 5 unità, che saranno organizzate in piccoli gruppi per garantire il distanziamento sociale nel rispetto delle linee guida vigenti.

I visitatori sono obbligati all’uso della mascherina. L’utilizzo di ascensori è riservato a persone con disabilità motoria con accompagnatori. All’interno della struttura i visitatori troveranno ambienti sanificati e potranno usufruire di dispenser per l’igienizzazione delle mani. Il Museo ha preparato per l’occasione una nuova audioguida di cui gli utenti saranno forniti all’ingresso, previa richiesta, in modo da ricevere tutte le informazioni sulle collezioni e le sale, per una visita individuale.

Per informazioni:
+39 0774 903143 | +39 3208279405 | rovianomuseo@tiscali.it

Dimore storiche. Domenica ingresso gratuito al Museo

Domenica 17 novembre la Regione Lazio apre al pubblico oltre 70 siti tra castelli e complessi architettonici, monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e casali nelle cinque province. Il Castello Brancaccio, sede del Museo della Civiltà Contadina Valle dell’Aniene di Roviano, recentemente inserito nei siti di interesse, aderisce all’iniziativa e domenica potrà essere visitato gratuitamente per l’intera giornata.

Domenica 17 novembre la Regione Lazio apre al pubblico oltre 70 siti tra castelli e complessi architettonici, monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e casali nelle cinque province.

Il Castello Brancaccio, sede del Museo della Civiltà Contadina Valle dell’Aniene di Roviano, recentemente inserito nei siti di interesse, aderisce all’iniziativa e domenica potrà essere visitato gratuitamente per l’intera giornata.

Dopo il successo dell’ultima edizione, domenica 17 novembre torna l’appuntamento della Regione Lazio con la Giornata di apertura straordinaria delle Dimore storiche per offrire a tutti l’opportunità di visitare gratuitamente l’immenso patrimonio di dimore, ville, parchi e giardini storici del territorio, decine di luoghi di grande fascino e incanto che arricchiscono tutte le province del Lazio.

Con la Rete delle Dimore storiche, la Regione Lazio ha avviato un grande progetto di valorizzazione dello straordinario patrimonio storico, paesaggistico e architettonico dei propri territori per costruire e sviluppare un nuovo modello di turismo sostenibile e competitivo. Dal 2017, anno della sua nascita, la Rete continua ad allargarsi: ad oggi sono 137 i siti coinvolti tra castelli e complessi architettonici, monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e casali. Luoghi straordinari, capolavori dell’arte e dell’architettura spesso poco conosciuti dal pubblico.

 Per info dettagliate si invita a consultare il sito retedimorestorichelazio.it

Mappa delle dimore storiche che partecipano all’apertura straordinaria